giovedì 7 febbraio 2013

EQUA RIPARAZIONE ED ENTI PUBBLICI


La Corte di Cassazione, con sentenza n. 21652/2012, ha stabilito che gli enti pubblici che siano stati parti in un giudizio che abbia violato il termine di ragionevole durata del processo, non hanno diritto all’equa riparazione prevista dalla Legge n. 89/2001 (Legge Pinto).
La Suprema Corte ha ritenuto che l’espressione contenuta nell’art. 21 della legge n. 89/2001 (chi ha subito un danno patrimoniale o non patrimoniale per effetto di violazione della C.E.D.U. sotto il profilo del mancato rispetto del temine ragionevole…) può e deve essere interpretata restrittivamente  alla luce del disposto dell’art. 34 della C.E.D.U. sopra evidenziato, che inequivocamente esclude dal novero degli aventi diritto gli enti pubblici, ed in generale ogni ente o articolazione amministrativa pubblica che, in quanto tale, detiene o esercita un pubblico potere (così interpretata specularmene l’espressione “organizzazioni non governative”). 

VAI ALLA SENTENZA INTEGRALE

Nessun commento:

Posta un commento

Si è verificato un errore nel gadget